• We Want To Play

    • We Want To Play consegnato alla FIGC Veneto

      We Want To Play consegnato alla FIGC Veneto

      Giovedì 4 Maggio una delegazione di polisportive della regione Veneto ha incontrato i vertici del comitato territoriale Figc per consegnare la richiesta di modifica delle norme discriminatorie dell'articolo 40 del Noif riguardanti il tesseramento di atleti provenienti da paesi extra-ue nei...

    • We Want To Play consegnato al comitato regionale FIGC Napoli

      We Want To Play consegnato al comitato regionale FIGC Napoli

      ​Oggi, venerdi 12 maggio, una delegazione di realtà sportive antirazziste campane aderenti alla campagna #WeWantToPlay hanno incontrato i dirigenti del Comitatoregionale F.I.G.C. (Napoli) ai quali hanno consegnato la richiesta di modifica dell’art. 40 quater delle NoiF, che discrimina gli atleti...

    • We Want To Play. Cambiamo le regole del gioco

      We Want To Play. Cambiamo le regole del gioco

        "Lo sport è parte del patrimonio di ogni uomo e di ogni donna e la sua assenza non potrà mai essere compensata"                                                                                                                                       Pierre de...

    • We Want To Play - il testo dell'appello

      We Want To Play - il testo dell'appello

      Pubblichiamo il testo di lancio della campagna We Want to Play che mira ad abrogare e modificare i punti b e c dell'articolo 40 comma 11 del NOIF (Norme Organizzative Interne FIGC).Nessuno è illegale per giocare a pallone!

    • We want to play - Welcome Refugees @ Sherwood Festival

      We want to play - Welcome Refugees @ Sherwood Festival

        “WE WANT TO PLAY- REFUGEES WELCOME” Domenica 21 Giugno 2015 Giornata dedicata al diritto alla cittadinanza sportiva all'interno dello Sherwood Festival   Come polisportive antirazziste facenti parte di Sport alla rovescia, abbiamo da sempre cercato di conquistare diritti di cittadinanza e abbattere le barriere...

    • We Want To Play - Fra sport e cittadinanza

      We Want To Play - Fra sport e cittadinanza

        Simpatizzanti , supporter ed atleti provenienti dai più disparati angoli di mondo. Ognuno a raccontare la propria storia tramite la pratica della propria disciplina sportiva. Ci sono i bimbi ed i ragazzi del Quadrato Meticcio. Ci sono i cestisti dei Crabs e dei Kumag's, ci sono i combattenti della Nak...

Note collettive sui fatti di sabato sera

Leggi tutto...

 

Nella terza puntata di BrasilS, "I padroni del Mondiale", abbiamo parlato delle aziende che stanno maggiormente beneficiando degli appalti per stadi e altre grandi opere.
Con Ernesto Milanesi nelle prime due puntate abbiamo analizzato l'impatto delle grandi opere sui conti dei Paesi organizzatori, in questa come funziona la logica di attribuzione di appalti e fondi pubblici. E abbiamo scoperto che è molto simile a quanto sta accadendo in Italia, a Milano, con Expo2015. Ecco il suo pezzo scritto per noi di Sport Alla Rovescia:
Leggi tutto...

Non potevamo di certo rimanere indifferenti davanti alle ultime uscite del presidente della Reyer, Luigi Brugnaro.
Come tifosi Reyerini, come sportivi amatoriali, ma anche e soprattutto come persone.

Leggi tutto...

di Teo Molin Fop

“Il Calcio sta diventando uno sport da ricchi, come poteva essere una volta il tennis”.

Leggi tutto...

fortitudo bologna: la rinascita

Di Ernesto Milanesi

 

In redazione, nutro il sottile piacere del “confronto” con un direttore bolognese che – forse, non per caso – è di quella squadra che nemmeno va nominata (ma lui ha una figlia che ha capito quant’è meglio essere dei nostri…).

Leggi tutto...

Eusebio

Di Ivan Grozny

Quando Eusebio si presentò al provino per la squadra satellite del Benfica, il Desportivo, in Mozambico, non gli fu permesso neppure di provare perché privo di alcun tipo di attrezzatura.

Leggi tutto...

Il caso del Real Vicenza, primo in classifica ma senza tifosi

Il Calcio-business non è solo quello dei grandi club. Negli ultimi anni alcuni facoltosi imprenditori acquisiscono piccole squadre di provincia per portarle dalle categorie dilettantistiche, a suon di centinaia di migliaia di euro, all'inseguimento del sogno del grande calcio.

Negli anni '90 fu il Chievo, ora abbiamo il Sassuolo che blocca la capolista all'Olimpico. La Virtus Entella del patron Gozzi, noto industriale siderurgico di Chiavari, guida la classifica della Prima Divisione a caccia della Serie B. In Seconda Divisione è capolista il Real Vicenza dell'imprenditore vicentino di serramenti, Lino Diquigiovanni, ripescato dalla serie D quest'estate.

Il Real Vicenza veste casacca a righe biancorosse, gioca le partite casalinghe al Menti e prende nome dall'appellativo dato al Vicenza di Paolo Rossi alla fine degli anni '70. Peccato che la sua storia non sia altrettanto gloriosa. Nel 2010 Diquigiovanni acquista il Gatto Sole, storica squadra cittadina del quartiere del Villaggio del Sole e propone la fusione al Cavazzale, squadra in difficoltá economiche della provincia, ma militante nel campionato di Eccellenza. In questo modo l'ambizioso progetto di Diquigiovanni non deve partire dalla prima categoria. Dalla fusione tra il Gatto Sole ( maglia arancione) e il Cavazzale (maglia rossoblù) nasce quindi il Real Vicenza (maglia biancorossa). Nonostante i forti investimenti e la costruzione di una rosa di giocatori totalmente nuova, facendo quindi tabula rasa di quelle precedenti, l'inizio non è dei migliori.
Per fortuna non basta strapagare dei giocatori per vincere il campionato...

Dopo aver comprato e venduto una marea di giocatori, il giocattolo alla fine ha cominciato a funzionare. E ora funziona bene a vedere il primo posto in classifica in Seconda Divisione.
Sicuramente ciò é il frutto di una gestione societaria seria, solida, ambiziosa ed accurata. Ciò si evidenzia ancora di piú se si contrappone alla situazione di totale sbando che da qualche anno investe il Vicenza Calcio, sprofondato in lega pro dopo 20 anni: assenza di programmazione, milioni di euro di debiti, punti di penalizzazione, gestione fallimentare societaria e giocatori svogliati.

Se la classifica si confermasse cosí l'anno prossimo le due squadre cittadine si troveranno nello stesso girone di Lega Pro. Nonostante il bel calcio e gli ottimi risultati, la media spettatori del Real Vicenza è 220 persone e nell'ultima partita in casa con la Torres ci sono stati solamente 76 paganti. Mentre Il Vicenza Calcio ha la media spettatori più alta del girone A della Prima Divisione.

Quando si costruiscono delle squadre a tavolino, senza identitá e senza costruire un legame con la comunitá, potrai anche avere un progetto serio e vincente, ma ció non basta per avere dei tifosi.
Nel calcio, come nella vita, le emozioni e la passione non si possono comprare al calciomercato.
Almeno quelle....

Lo spettacolo, è inutile negarlo, è stato pessimo. Giocatori che si accasciano al suolo doloranti, le tre sostituzioni dopo un minuto. Tutto troppo brutto.

Se n'è scritto a riguardo e si continua a farlo. Insomma, per un giorno o due Nocera diventa la capitale degli Ultras violenti. Un po' troppo, non vi sembra?

Leggi tutto...

Cassano e Balotelli

Sono convinto che il giorno in cui PierMatteo Renzi vincerà le primarie Pd, nel suo discorso inaugurale ci infilerà anche Mario Balotelli. Ad oggi infatti è impossibile non esprimere un giudizio su questo ragazzo di ventitre anni. In un epoca di bamboccioni, di giovani che non riescono a emanciparsi e nemmeno a dare un contributo all’Italia, c’è un ragazzo che viene tirato in ballo su qualsiasi cosa.

Leggi tutto...