Erdogan attacca il Rojava, l’avanzata turca prosegue; le manovre americane; gli spostamenti dell’esercito del regime siriano. Come se non bastasse il presidente della Turchia, come tutti i dittatori, utilizza ancora una volta lo sport come propaganda e come strumento per accrescere il suo potere.

Non si possono, infatti, chiudere gli occhi davanti all'infame operazione militare del governo turco, ad un'altra aggressione al Rojava e ai suoi popoli e all’ennesimo scempio in Medio Oriente e in questa situazione anche il mondo dello sport deve prendere una posizione chiara e netta.

 

Sappiamo bene quanto lo sport sia politica e chi dice che non sia così sa di mentire ed è innegabile quanto in questi ultimi giorni il tema calcio-politica è entrato a gamba tesa nel dibattito politico internazionale.

Con l'attacco in Siria del Nord, gli atleti fedelissimi di Erdogan non hanno perso tempo nell'esprimere la loro vicinanza al sultano e il loro appoggio alle operazioni militari. Da Merih Demiral, a Hakan Çalhanoğlu, fino ad arrivare a Cengiz Ünder, per rimanere tra i giocatori che militano in Italia, hanno tutti sostenuto Erdogan dai loro profili social. Eclatante, ma assolutamente in linea su quella che è la politica turca, è stato quanto accaduto alla fine di Albania-Turchia. Il gesto di portarsi la mano tesa alla fronte simulando un saluto militare, che compiono quasi tutti i giocatori titolari (e alcune riserve) subito dopo il gol al 90esimo di Tosun, è un modo di omaggiare la decisione presa dalla Turchia di avviare un nuovo intervento militare nel nord-est della Siria.

 

Alla squadra dei sostenitori si contrappone un nutrito numero di sportivi che la pensano diversamente. Sono poche, invece le società sportive che hanno preso una posizione netta sulla questione. L'atleta rappresentativo dell'opposizione a Erdogan è Deniz Naki. Da anni costretto a vivere lontano dalla Turchia, perseguitato e condannato più volte dal regime turco. Ci sono società come il St. Pauli che hanno deciso, a differenza di altre squadre, di allontanare chi ha preso posizioni favorevoli a questa guerra. Il club tedesco - dopo aver discusso con giocatori, dirigenti e tifosi - ha deciso di liberare il calciatore Cenk Sabina con le seguenti motivazioni: "il disprezzo verso i valori alla base della nostra società, tra tutti il rifiuto di qualsiasi tipo di guerra". Sahin nel suo ultimo post su Instagram ha appoggiato in maniera chiara la guerra portata avanti da Erdogan. Nel frattempo il Basaksehir, squadra molto vicina al dittatore, lo ha invitato a tornare in Turchia per giocare con quella che senza dubbio si può definire la squadra di Erdogan.

 

Sulla scia di questa scelta il calcio europeo dovrebbe avere il coraggio di prendere una posizione chiara su quanto sta accadendo. È vergognoso che la finale di Champions League venga giocata ad Instanbul. Un grande evento che porterà visibilità e parecchi soldi ad uno Stato che ormai da anni sta uccidendo migliaia di persone. L'ultimo intervento militare è soltanto la punta dell'iceberg delle politiche aggressive portate avanti da Erdogan.

 

Come redazione di Sport alla Rovescia invitiamo tutte le realtà di sport popolare, che da sempre hanno scelto da che parte stare, ma anche associazioni, collettivi, singoli, gruppi Ultras, società sportive a firmare questo appello che chiede di spostare la sede della finale di Champions League. Vogliamo consegnare questo documento alla FIGC, con la speranza che si faccia portavoce a livello europeo di questa istanza partita dal basso.

 

 

Per aderire invia una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

oppure manda un messaggio privato alla pagina facebook di Sportallarovescia

 

 

Adesioni: Sport Popolare, Palestra Hurricane (Treviso), Ardita due Mari (Taranto), Polisportiva Independiente (Vicenza), Polisportiva San Precario (Padova), La Paz Antiracist (Parma), Crabs (Venezia), Asd RFC Lions Ska (Caserta), ASD Atletico Brigante (Benevento), ASD Atletico No Borders (Fabriano), Laziale e Antifascista, Hopeball, ASD Quartograd (Quarto-Napoli), L'Internazionale, Grifoni Antifa Perugia, Mondiali Antirazzisti, ASD Veterinari Campania, Femministorie (Catania), Palestra popolare Etnea (Catania), Collettivo SPAM (Padova), Curva Pucciadores (Padova), Palestra popolare "Joahnn Rukelie Trollmann (San Vito di Chietino), Autoconvocat* contro la crisi, Armata Pirata 161 (Milano), Minuto Settantotto, Unione Sportiva Stella Rossa (Brescia-Valcamonica), FCD La Querce 2009 (Prato), Afro-Napoli United (Napoli), ASD Flora Inic (Viareggio), Bergamo Antifa United (Bergamo), Palestra Popolare Galeano (Padova), Palestra Popolare Rivolta (Marghera), Palestra Popolare La Fontina (Pisa), Polisportiva antirazzista Assata Shakur (Ancona), I Briganti Rugby - Librino (Catania), Targato Napoli, Maradona y Pelè, FC Rinascita Popolare (Pisa), Atletico Diritti (Roma), Sankara Football Club (Viareggio), Polisportiva Sguna Rossa dell'Etna (Catania), Lokomotiv Jurka (Bergamo), La Resistente Genova (Genova), Mondiali Rebeldi e Progetto Rebeldia (Pisa), Boxe Popolare (Pavia), Comune.info, Anxa Rebel (Lanciano), Originals (Bergamo), Torpedo Roma calcio, Gruppo organizzato Novafeltria (Rimini), ASD San Salvario (Torino), Gruppo Ultras "Nativi San Salvario" (Torino), Radio Corners, Troppo Azzurro, Comitato associazioni per la pace e i diritti umani (Rovereto)

 

Singole adesioni: Karim Franceschi, Anna Trieste, Davide Ravan, Tomaso Santinon, Edoardo Bastia, Alessandro Solero, Andrea Mencarelli, Marco Macera, Andrea Aceto, Alessandro Giunta, Fabiano Malesardi, Fulvio Gandini, Bruna Casati, Lucia Tundo, Carmelo Sabba, Massimo Boreani, Marzia Russo, Carla Degli Espositi, Andrea Fioretti, Fede Dalle Fusine, Giuseppe Giallongo, Donato Bisceglia, Marcello Mazzini, Paola Urbinati, Giorgio Barbera, Giuliana Moino, Sonia Migliorati, Roberto Balio, Roberto Escalona, Daniel Barzaghi, Marco Sartini, Gianluca Serafini, Giorgiana Viccaro, Mario Tuccio, Gianluigi Lippo, Emanuel Bartholomew Herrniemand, Borys Naumow, Mario Valentini, Enrico Bobo Montoli, Simone Greco, Antonio Coppola, Giuseppe Cannone, Danilo Natalem, Emiliano Dal Toso, Alessandro Calabria, Rudi Contri Mantovani, Samuele Alotti, Valeria L. Milesi, Matteo Cantalicio, Francesco Fanigliulo, Andrea Pietro Di Lorio, Alessandro Cantelmo, Annamaria Piano, Federico Martelli, Azzurra Parisi, Loredana Bonandrini, Stefano Francesconi, Luca Mazzolini, Claudio Silvestro, Pietro Guerriero, Fiorenzo Longobardi, Quirini Calvaresi, Nicola Migliorini, Antonio Guarino, Chiara Rinaldi, Marta De Rino, Valentina Manna, Jessica Vigneri, Luca Benassi, Giuseppe Nesi, Francesco Esposito, Carlo Liberto, Marcello Argiolas, Lisa Lombari, Bahar Kimyongour, Eleonora Forenza, Sara Visintin, Massimiliano Murgo, Tiziano Trobia, Stefano Grondona, Jan Vecoli, Claudia Candeloro, Francesco Fumarola, Sandro Targetti, Antonio Amoroso, Mariangela De Blasi, Domenica Conte, Mario De Blasi, Giovanna Cavone, Roberta De Blasi, Paolo De blasi, Simona Calabrese, Carlo Liberto, Paola Liberto, Manuela Nicchiarelli, Nadia Izzo, Maria Calabrese, Carmine Labattaglia, Barbara Minisci, Marcello Ciresi, Marianna Vecchio, Domenico Conte, Margherita Tramutoli, Roberto Villani, Silvia Consolandi, Giovanni Bruno, Pietro Antonuccio, Valeria Ronzani, Fabio Pirazzoli, Vincenzo Fasulo, Giulia Lucchesi, Maurizio Bertasi, Marco Paolini, Annalisa Ceolin, Stefania Carulli, Virginia Vavalà, Adele Del Guercio, Stefania Petaro, Alberto Rosati, Luigi Santaniello, Domenico Maddaloni, Daniele Greco, Mirko D'Aprile, Anja Werner, Katiuscia Lorenzet, Carmen Cotronei, Giulia Cordella, Maria Teresa Messidoro, Ugo Usseglio, Gianfranco Frelli, Daniela Dallago, Luca Facchinelli, Alessandro Pellini, Rejana Lucci, Alidina Marchettini, Claudio Toffolo, Silvia Ghilardi, Katia Castiglioni, Rosa Liotta, Claudia Maria Bolini, Marco Farchione, Stefano Piazza, Daniele Barbieri, Giuseppe Chimisso, Luigi Mosca, Javier Pais, Giuseppe Bruzzone, Luc Nemeth, Marco D'Agostini, Caterina Angelini, Nicola Perna, Maria Laura Saponaro, Robertino Barbieri, Dada Wahr